Subito dopo aver pubblicato gli atti della Conferenza è stato pubblicato, nell'Aprile del 2013, lo studio che definisce QUALI sono i biomarcatori da ricercare nell'AUTISMO.


Background: il disturbo dello spettro autistico (ASD) rappresenta una vasta gamma di disturbi dello sviluppo neurologico, caratterizzato da menomazioni nell’ interazione sociale, nel linguaggio, nella comunicazione e nel campo di interessi. L'autismo è di solito diagnosticato nei bambini di 3-5 anni di età con particolari caratteristiche comportamentali, quindi, la diagnosi subito dopo la nascita sarebbe utile per un inizio precoce del trattamento. 

Obiettivo: Questo studio retrospettivo ha cercato di identificare i neonati a rischio di ASD utilizzando campioni di tracce ematiche in un test immunologico. Materiali e metodi: Il presente studio ha utilizzato campioni congelati memorizzati di bambini con ASD già diagnosticati a 15-36 mesi di età. I campioni neonatali e i test di controllo sono stati analizzati mediante immunodosaggio in un sistema multiplex che comprendeva 90 biomarcatori sierici sottoposti ad analisi statistica. 

Risultati: Tre gruppi di cinque biomarcatori associati a ASD sono stati trovati che differivano dal gruppi di controllo. I 15 biomarcatori candidati sono stati poi discussi per quanto riguarda la loro associazione con ASD. 

Conclusioni: Questo studio ha determinato che un panel statisticamente selezionato di 15 biomarcatori può essere definito con successo come distintivo del gruppo ASD rispetto a quelli dei gruppo di controllo. 

Rif.:Mizejewski GJ, Newborn screening for autism: in search of candidate biomarkers,2013 Apr, Biomark Med.
   
   
© Formae Mentis Associazione Onlus